Napoli - Oggi, martedì 19 febbraio 2019
 
Home page
Chi siamo
Quaderni proustiani
Altre pubblicazioni
Eventi
Attività svolte


Giardino e Ipogeo di Babuk
Saletta Marcel Proust
Contatti
Adesioni
Fotogallery
Mailinglist
 
 
15/01/2018
UN LIBRO CHE SAREBBE PIACIUTO A PROUST!
Sabato 27 Gennaio 2017, ore 11, Sala Babuk: presentazione del libro "Ritorno in Egitto" di Giovanna Mozzillo (Marlin Editore). La delicata storia dell'amore del patrizio Claudio e del suo concubino Ligdo; tra i bagliori della fine dell'impero romano si snoda la vicenda che marca lo scontro tra il la...

 

27/01/2017
COMMEMORAZIONE DI PHILIPPE CHARDIN
In Memoriam Philippe Chardin L’Association des Amis de Marcel Proust d’Italie est douloureusement endeuillée par la disparition de notre cher Philippe. Son souvenir ineffaçable restera dans la mémoire des proustiens italiens pour sa contribution importante à la revue Quaderni Proustiani. Il était r...

 

13/01/2017
DECESSO DI PHILIPPE CHARDIN
DECESSO DI PHILIPPE CHARDIN L'Associazione Amici di Marcel Proust partecipa al cordoglio per la scomparsa di Philippe Chardin, illustre studioso, responsabile della sezione francese dei "Quaderni Proustiani"....

 

01/09/2016
RIAPERTURA GIARDINO DI BABUK
Il programma degli eventi sarà comunicato nei prossimi giorni.Il Giardino e l'Ipogeo sono visitabili; info 081 5499250 - 3386255810....

 

PROUST E VIRGINIA WOOLF
"MARCEL PROUST E VIRGINIA WOOLF" : NUMERO MONOGRAFICO DELLA RIVISTA "QUADERNI PROUSTIANI" - ANNO 2020 (ON LINE) In un precedente post ho dato notizia del tema della rivista annuale "QUADERNI PROUSTIANI" per l'anno 2019, per il quale è stato già lanciato l'invito a collaborare a livello internazionale (la rivista è bilingue, italiano/francese). Cosa ne pensate di un eventuale tema "Proust e Woolf" per il 2020?" Ecco il risultato di una prima ricerca bibliografica sul tema: Au mot clef « Woolf » on trouve dans notre bibliothèque : CAJAT, Claude, Cher Marcel. À la recherche de ses amis, de Fontainebleau à Versailles, Étrépilly (77), Les Presses du Village. Christian de Bartillat, "bleu", 9", 2004, 220 p. Mots-clés: Proust Marcel, biographique, ami, amitié, Fontainebleau, Versailles, banlieue de Paris, À la recherche du temps perdu, Brou, Sucy-en-Brie, Halévy famille, Valvins, Mallarmé Stéphane, Verdurin, Sert Misia, Saint-Loup-de-Naud, aristocratie anglaise, Trefusis Violet, Sackville-West Vita, Woolf Virginia, Polignac Winaretta, Saint-Loup Robert de, Lemaire Madeleine, Segrez, Réveillon, Bois-Boudran, Vallière, Ermenonville, Champlâtreux, Champrosay, Charlus, Saint-Germain-en-laye, Neuilly-sur-Seine, Le Vésinet, Louveciennes, Montesquiou Robert de, personnage, source, village, château. MP CAJAT 2004 CERUTTI, Paola, « La finestra della rappresentazione di Proust e Woolf », Quaderni di Synapsis / Atti della Scuola Europea di Studi Comparati, Pontignano, 4-11 Settembre 2004, a cura di Letizia Bellochio, vol. V, « Finestre », 2006, p. 49-56. Mots-clés: Proust Marcel, À la recherche du temps perdu, Woolf Virginia, fenêtre, Orlando, représentation, nature, medium, modernité. MP TP / MP TPN CHAUDIER, Stéphane, « Le temps contradictoire : Proust et Woolf », in Le Temps retrouvé eighty years after / 80 ans après. Critical essays / essais critiques Oxford, Peter Lang, "Modern French Identities", 84, 2009, p. 101-116. Mots-clés: Proust Marcel, À la recherche du temps perdu, Woolf Virginia, temporalité, temps, cohérence, hasard, comparatisme. MP A WATT 2009 CHEILAN, Sandra, « Mr Proust's way : des lectures woolfiennes de la Recherche », Relief, vol. 7, n° 2, 2013, p. 82-96. Mots-clés: Proust Marcel, À la recherche du temps perdu, Woolf Virginia, lecture, Angleterre, réception, influence, esthétique, modèle, biographique, critique. MP TPN http://www.revue-relief.org CHEILAN, Sandra, « Poétique de l’intime dans l’œuvre de Proust, Woolf et Pessoa », thèse de doctorat, Littérature comparée, sous la direction de Karen Haddad, 2013, 792 p. MP THN CHEILAN 2013 DELAPLACE, Anne, « "Intermittences" et "moments de vie" : l'esthétique de la discontinuité chez Marcel Proust et Virginia Woolf », Trans-. Revue de littérature générale et comparée, 2007, p. 1-10. Mots-clés: Proust Marcel, À la recherche du temps perdu, Woolf Virginia, discontinuité, temporalité, instant, épiphanie, modernité, intermittence, narration, subjectivité, conscience, Mrs Dalloway, comparaison, fragment, introspection. MP TPN http://trans.revues.org/493 DEZON-JONES, Elyane, “Virginia Woolf, lectrice de Proust”, Bulletin de la Société des Amis de Marcel Proust, no 28, 1978, p 731-736. EELLS, Emily, « Proust et Woolf "devant le téléphone" », in Proust in der Konstellation der Moderne / Proust dans la constellation des modernes, études réunies par Sophie Bertho et Thomas Klinkert, Berlin, Erich Schmidt Verlag, 2013, p. 83-101. Mots-clés: Proust Marcel, À la recherche du temps perdu, Woolf Virginia, modernité, téléphone, technique, quotidien, ascenseur, espace, temporalité, comparatisme, poétique. MP A BERTHO 2013 ELKINS, Catherine, « Memory and Material Significance : Composing Modernist Influence », Modern Language Quarterly, vol. 69, n° 4, December 2008, p. 509-531. Mots-clés: modernisme, Woolf Virginia, Proust Marcel, mémoire, influence, culture, transmission. MP TPN ELLISON, David, Ethics ans Aesthetics in European Modernist Literature. From the Sublime to the Uncanny, Cambridge, Cambridge University Press, 2001, 290 p. Mots-clés: Comparatisme, Europe, Kafka Franz, esthétique, éthique, philosophie, Kant Emmanuel, Kierkegaard Søren, Freud Sigmund, Romantisme, Nietzsche Friedrich, Baudelaire Charles, Wagner Richard, Alain-Fournier, Proust Marcel, Conrad Joseph, Gide André, Woolf Virginia, Blanchot Maurice, musique. MP ELLISON 2001 ELLISON, David, « Modernism », in Marcel Proust in Context, Cambridge, Cambridge University Press, 2016, p. 214-220. Mots-clés: Proust Marcel, À la recherche du temps perdu, réception critique, posthume, modernisme, Benjamin Walter, Baudelaire Charles, Joyce James, Woolf Virginia. MP A WATT 2016 GIBOUX, Audrey, « Théorie et pratique de l'art de la fiction chez James, Proust, Wharton, Forster et Woolf : l'enjeu moraliste », in L'écrivain et son critique. Une fratrie problématique / sous la direction de Philippe Chardin et Marjorie Rousseau, avec la collaboration de Magali Renouf, Paris, Éditions Kimé, "Détours littéraires", 2014, p. 257-268. Mots-clés: écrivain, critique, théorie, Proust Marcel, Woolf Virginia, James Henry, Forster Edward Morgan, Wharton Edith, morale, anglo-saxon, comparatisme. MP A CHARDIN 2014 GIULIETTI, Giuliana, « Uno scroscio incessante di atomi », Quaderni Proustiani, 2013, p. 77-92. Mots-clés: Proust Marcel, À la recherche du temps perdu, Woolf Virginia, vision, style, comparaison, modernité, fragment, Bloomsbury, admiration. MP P QP 2013 GODEAU, Florence, « Récit et réflexion chez Proust, Musil et Woolf : l'exemple de la scène mondaine », Bulletin d'informations proustiennes, n° 42, 2012, p. 101-107. Mots-clés: Proust Marcel, À la recherche du temps perdu, essai, genre, Woolf Virginia, Musil Robert, scène, mondanité, style. MP P BIP 42 GODEAU, Florence, « Souvenirs de rivages. Proust, Colette, Woolf, Nabokov », Europe, 91e année, n° 1012-1013, Août-septembre 2013, p. 116-125. Mots-clés: Proust Marcel, À la recherche du temps perdu, intertextualité, Colette, Woolf Virginia, Nabokov Vladimir, mer, villégiature, voyage, sociologie, Balbec, hygiène, lecture. MP P EUROPE 2013 HASSINE, Juliette, « Virginia Woolf et Marcel Proust : "remarques sur le style" », in Marcel Proust, LA REVUE DES LETTRES MODERNES, « Études proustiennes » n° 4, « PROUST AU TOURNANT DES SIÈCLES 1 », Textes réunis par Bernard Brun et Juliette Hassine, 2004, p. 187-210. LEWIS, Pericles, « Proust, Woolf, and Modern Fiction », The Romanic Review, vol. 99, n° 1-2, 2008, p. 77-86. Mots-clés: Proust Marcel, À la recherche du temps perdu, Woolf Virginia, lecture, relecture, modernité, fiction, influence, réception. MP TPN PAINTER, George, « Proust and Virginia Wool », Adam International, 1972, vol. XXXVII, nos 364-366. ROBSON, Julia Caroline, « The Dialectics of Self and Other in Montaigne, Proust and Woolf », PhD Thesis, Comparative Literature, University of Warwick, 2000, 261 p. MP THN ROBSON 2000 ROJAS, Yuko, « Proustian Reminiscence in To the Lighthouse », Studies in the Novel, vol. 41, n° 4, Winter 2009, p. 451-467. Mots-clés: Proust Marcel, À la recherche du temps perdu, Woolf Virginia, To the Lighthouse, intertextualité, philosophie, modernisme, mémoire, Bergson Henri, conscience, subjectivité, esthétique. MP TPN SCHUHEN, Gregor, « Strandspaziergänge mit Marcel Proust und Virginia Woolf. Ein Essay zur maritimem Ästhetik als Signum der Moderne », in Proustiana, n° XXVI, 2010, p. 9-25. Mots-clés: Proust Marcel, À la recherche du temps perdu, Woolf Virginia, esthétique, modernité. MP P PROUSTIANA 26 TUDEAU-CLAYTON, Margaret, « "Times passes" - Virginia Woolf's Virgilian Passage to the Future Past Masterpieces : À la recherche du temps perdu and To the Lighthouse », Comparative Critical Studies, vol. 3, n° 3, 2006, p. 291-323. Mots-clés: Woolf Virginia, To the Lighthouse, Proust Marcel, À la recherche du temps perdu, influence, passé, futur, lecture, Virgile. MP TPN WALKER, Casey M., « The City Inside : Intimacy and Urbanity in Henry James, Marcel Proust and Virginia Woolf », PhD, sous la direction de Diana Fuss, Princeton University, 2010, 277 p. Mots-clés: Proust Marcel, James Henry, Woolf Virginia, intimité, urbanisme, À la recherche du temps perdu, psychologie, ville, architecture, technique, modernité, Bachelard Gaston, Certeau Michel de, New York, Paris, Londres. MP THN WALKER 2010 WOLKENSTEIN, Julie, « Proust Woolf, la lecture et son souvenir : deux évocations comparées », in Proust, l'étranger / études réunies par Karen Haddad-Wotling et Vincent Ferré Amsterdam/New York, Rodopi, "CRIN", 54, 2010, p. 61-75. Mots-clés: Proust Marcel, À la recherche du temps perdu, Woolf Virginia, lecture, comparaison, souvenir, sensation, temps. MP A FERRÉ 2010 L'écrivain et son critique. Une fratrie problématique / sous la direction de Philippe Chardin et Marjorie Rousseau, avec la collaboration de Magali Renouf.- Paris, Éditions Kimé, "Détours littéraires", 2014, 567 p. Mots-clés: écrivain, critique, théâtre, Flaubert Gustave, Zola Émile, Proust Marcel, Nabokov Vladimir, Lampedusa Giuseppe Tomasi di, Mallarmé Stéphane, poésie, censure, Woolf Virginia, féminisme, militantisme, fiction, éditeur, comparatisme, James Henry, Forster Edward Morgan. MP A CHARDIN 2014 Par ailleurs, voir aussi : CHEILAN, Sandra, Poétique de l’intime dans l’œuvre de Proust, Woolf et Pessoa, Rennes, Presses Universitaires de Rennes, coll. « Interférences », 2015, 428 p. EELLS, Emily, « Virginia Woolf’s Reading of Proust », Confluences. Écrits et Figures, n° XII, Nanterre, Université Paris X Nanterre, 1996, p. 55-71. GODEAU, Florence, « Peindre l’éphémère : Marcel Proust, Virginia Woolf et l’impressionnisme », in Proust et les images : peinture, photographie, cinéma, vidéo, Jean Cléder et Jean-Pierre Montier dir., Rennes, Presses Universitaires de Rennes, , p. –. LEONARD, Diane, « Proust and Virginia Woolf, Ruskin and Roger Fry: Modernist Visual Dynamics », Contemporary Literature Studies 18 (1981): 333-43. MARES, C. J., « Reading Proust : Woolf and the Painter’s Perspective », Comparative Literature, no 41, 1989, p. 327-59. SHORE, Elizabeth M. « Virginia Woolf, Proust, and Orlando », Comparative Literature, no 3, 1979, p. 232-45. Communications (peut-être publiées depuis) : HERMETET, Anne-Rachel : « Mémoires du Guépard : Lampedusa, Proust, Woolf », Séminaire PROUST 2014-2015, « Fin d'un monde, fin d'une œuvre : Le Temps retrouvé », ENS. FLADENMULLER, Frédéric, 7 mars 2017, « L’écriture de la maladie : Virginia Woolf lectrice de Marcel Proust », Université Paris-Sorbonne.




BIBLIOGRAFIA PER I QP 2020 (PROUST E WOOLF).
Au mot clef « Woolf » on trouve dans notre bibliothèque : CAJAT, Claude, Cher Marcel. À la recherche de ses amis, de Fontainebleau à Versailles, Étrépilly (77), Les Presses du Village. Christian de Bartillat, "bleu", 9", 2004, 220 p. Mots-clés: Proust Marcel, biographique, ami, amitié, Fontainebleau, Versailles, banlieue de Paris, À la recherche du temps perdu, Brou, Sucy-en-Brie, Halévy famille, Valvins, Mallarmé Stéphane, Verdurin, Sert Misia, Saint-Loup-de-Naud, aristocratie anglaise, Trefusis Violet, Sackville-West Vita, Woolf Virginia, Polignac Winaretta, Saint-Loup Robert de, Lemaire Madeleine, Segrez, Réveillon, Bois-Boudran, Vallière, Ermenonville, Champlâtreux, Champrosay, Charlus, Saint-Germain-en-laye, Neuilly-sur-Seine, Le Vésinet, Louveciennes, Montesquiou Robert de, personnage, source, village, château. MP CAJAT 2004 CERUTTI, Paola, « La finestra della rappresentazione di Proust e Woolf », Quaderni di Synapsis / Atti della Scuola Europea di Studi Comparati, Pontignano, 4-11 Settembre 2004, a cura di Letizia Bellochio, vol. V, « Finestre », 2006, p. 49-56. Mots-clés: Proust Marcel, À la recherche du temps perdu, Woolf Virginia, fenêtre, Orlando, représentation, nature, medium, modernité. MP TP / MP TPN CHAUDIER, Stéphane, « Le temps contradictoire : Proust et Woolf », in Le Temps retrouvé eighty years after / 80 ans après. Critical essays / essais critiques Oxford, Peter Lang, "Modern French Identities", 84, 2009, p. 101-116. Mots-clés: Proust Marcel, À la recherche du temps perdu, Woolf Virginia, temporalité, temps, cohérence, hasard, comparatisme. MP A WATT 2009 CHEILAN, Sandra, « Mr Proust's way : des lectures woolfiennes de la Recherche », Relief, vol. 7, n° 2, 2013, p. 82-96. Mots-clés: Proust Marcel, À la recherche du temps perdu, Woolf Virginia, lecture, Angleterre, réception, influence, esthétique, modèle, biographique, critique. MP TPN http://www.revue-relief.org CHEILAN, Sandra, « Poétique de l’intime dans l’œuvre de Proust, Woolf et Pessoa », thèse de doctorat, Littérature comparée, sous la direction de Karen Haddad, 2013, 792 p. MP THN CHEILAN 2013 DELAPLACE, Anne, « "Intermittences" et "moments de vie" : l'esthétique de la discontinuité chez Marcel Proust et Virginia Woolf », Trans-. Revue de littérature générale et comparée, 2007, p. 1-10. Mots-clés: Proust Marcel, À la recherche du temps perdu, Woolf Virginia, discontinuité, temporalité, instant, épiphanie, modernité, intermittence, narration, subjectivité, conscience, Mrs Dalloway, comparaison, fragment, introspection. MP TPN http://trans.revues.org/493 DEZON-JONES, Elyane, “Virginia Woolf, lectrice de Proust”, Bulletin de la Société des Amis de Marcel Proust, no 28, 1978, p 731-736. EELLS, Emily, « Proust et Woolf "devant le téléphone" », in Proust in der Konstellation der Moderne / Proust dans la constellation des modernes, études réunies par Sophie Bertho et Thomas Klinkert, Berlin, Erich Schmidt Verlag, 2013, p. 83-101. Mots-clés: Proust Marcel, À la recherche du temps perdu, Woolf Virginia, modernité, téléphone, technique, quotidien, ascenseur, espace, temporalité, comparatisme, poétique. MP A BERTHO 2013 ELKINS, Catherine, « Memory and Material Significance : Composing Modernist Influence », Modern Language Quarterly, vol. 69, n° 4, December 2008, p. 509-531. Mots-clés: modernisme, Woolf Virginia, Proust Marcel, mémoire, influence, culture, transmission. MP TPN ELLISON, David, Ethics ans Aesthetics in European Modernist Literature. From the Sublime to the Uncanny, Cambridge, Cambridge University Press, 2001, 290 p. Mots-clés: Comparatisme, Europe, Kafka Franz, esthétique, éthique, philosophie, Kant Emmanuel, Kierkegaard Søren, Freud Sigmund, Romantisme, Nietzsche Friedrich, Baudelaire Charles, Wagner Richard, Alain-Fournier, Proust Marcel, Conrad Joseph, Gide André, Woolf Virginia, Blanchot Maurice, musique. MP ELLISON 2001 ELLISON, David, « Modernism », in Marcel Proust in Context, Cambridge, Cambridge University Press, 2016, p. 214-220. Mots-clés: Proust Marcel, À la recherche du temps perdu, réception critique, posthume, modernisme, Benjamin Walter, Baudelaire Charles, Joyce James, Woolf Virginia. MP A WATT 2016 GIBOUX, Audrey, « Théorie et pratique de l'art de la fiction chez James, Proust, Wharton, Forster et Woolf : l'enjeu moraliste », in L'écrivain et son critique. Une fratrie problématique / sous la direction de Philippe Chardin et Marjorie Rousseau, avec la collaboration de Magali Renouf, Paris, Éditions Kimé, "Détours littéraires", 2014, p. 257-268. Mots-clés: écrivain, critique, théorie, Proust Marcel, Woolf Virginia, James Henry, Forster Edward Morgan, Wharton Edith, morale, anglo-saxon, comparatisme. MP A CHARDIN 2014 GIULIETTI, Giuliana, « Uno scroscio incessante di atomi », Quaderni Proustiani, 2013, p. 77-92. Mots-clés: Proust Marcel, À la recherche du temps perdu, Woolf Virginia, vision, style, comparaison, modernité, fragment, Bloomsbury, admiration. MP P QP 2013 GODEAU, Florence, « Récit et réflexion chez Proust, Musil et Woolf : l'exemple de la scène mondaine », Bulletin d'informations proustiennes, n° 42, 2012, p. 101-107. Mots-clés: Proust Marcel, À la recherche du temps perdu, essai, genre, Woolf Virginia, Musil Robert, scène, mondanité, style. MP P BIP 42 GODEAU, Florence, « Souvenirs de rivages. Proust, Colette, Woolf, Nabokov », Europe, 91e année, n° 1012-1013, Août-septembre 2013, p. 116-125. Mots-clés: Proust Marcel, À la recherche du temps perdu, intertextualité, Colette, Woolf Virginia, Nabokov Vladimir, mer, villégiature, voyage, sociologie, Balbec, hygiène, lecture. MP P EUROPE 2013 HASSINE, Juliette, « Virginia Woolf et Marcel Proust : "remarques sur le style" », in Marcel Proust, LA REVUE DES LETTRES MODERNES, « Études proustiennes » n° 4, « PROUST AU TOURNANT DES SIÈCLES 1 », Textes réunis par Bernard Brun et Juliette Hassine, 2004, p. 187-210. LEWIS, Pericles, « Proust, Woolf, and Modern Fiction », The Romanic Review, vol. 99, n° 1-2, 2008, p. 77-86. Mots-clés: Proust Marcel, À la recherche du temps perdu, Woolf Virginia, lecture, relecture, modernité, fiction, influence, réception. MP TPN PAINTER, George, « Proust and Virginia Wool », Adam International, 1972, vol. XXXVII, nos 364-366. ROBSON, Julia Caroline, « The Dialectics of Self and Other in Montaigne, Proust and Woolf », PhD Thesis, Comparative Literature, University of Warwick, 2000, 261 p. MP THN ROBSON 2000 ROJAS, Yuko, « Proustian Reminiscence in To the Lighthouse », Studies in the Novel, vol. 41, n° 4, Winter 2009, p. 451-467. Mots-clés: Proust Marcel, À la recherche du temps perdu, Woolf Virginia, To the Lighthouse, intertextualité, philosophie, modernisme, mémoire, Bergson Henri, conscience, subjectivité, esthétique. MP TPN SCHUHEN, Gregor, « Strandspaziergänge mit Marcel Proust und Virginia Woolf. Ein Essay zur maritimem Ästhetik als Signum der Moderne », in Proustiana, n° XXVI, 2010, p. 9-25. Mots-clés: Proust Marcel, À la recherche du temps perdu, Woolf Virginia, esthétique, modernité. MP P PROUSTIANA 26 TUDEAU-CLAYTON, Margaret, « "Times passes" - Virginia Woolf's Virgilian Passage to the Future Past Masterpieces : À la recherche du temps perdu and To the Lighthouse », Comparative Critical Studies, vol. 3, n° 3, 2006, p. 291-323. Mots-clés: Woolf Virginia, To the Lighthouse, Proust Marcel, À la recherche du temps perdu, influence, passé, futur, lecture, Virgile. MP TPN WALKER, Casey M., « The City Inside : Intimacy and Urbanity in Henry James, Marcel Proust and Virginia Woolf », PhD, sous la direction de Diana Fuss, Princeton University, 2010, 277 p. Mots-clés: Proust Marcel, James Henry, Woolf Virginia, intimité, urbanisme, À la recherche du temps perdu, psychologie, ville, architecture, technique, modernité, Bachelard Gaston, Certeau Michel de, New York, Paris, Londres. MP THN WALKER 2010 WOLKENSTEIN, Julie, « Proust Woolf, la lecture et son souvenir : deux évocations comparées », in Proust, l'étranger / études réunies par Karen Haddad-Wotling et Vincent Ferré Amsterdam/New York, Rodopi, "CRIN", 54, 2010, p. 61-75. Mots-clés: Proust Marcel, À la recherche du temps perdu, Woolf Virginia, lecture, comparaison, souvenir, sensation, temps. MP A FERRÉ 2010 L'écrivain et son critique. Une fratrie problématique / sous la direction de Philippe Chardin et Marjorie Rousseau, avec la collaboration de Magali Renouf.- Paris, Éditions Kimé, "Détours littéraires", 2014, 567 p. Mots-clés: écrivain, critique, théâtre, Flaubert Gustave, Zola Émile, Proust Marcel, Nabokov Vladimir, Lampedusa Giuseppe Tomasi di, Mallarmé Stéphane, poésie, censure, Woolf Virginia, féminisme, militantisme, fiction, éditeur, comparatisme, James Henry, Forster Edward Morgan. MP A CHARDIN 2014 Par ailleurs, voir aussi : CHEILAN, Sandra, Poétique de l’intime dans l’œuvre de Proust, Woolf et Pessoa, Rennes, Presses Universitaires de Rennes, coll. « Interférences », 2015, 428 p. EELLS, Emily, « Virginia Woolf’s Reading of Proust », Confluences. Écrits et Figures, n° XII, Nanterre, Université Paris X Nanterre, 1996, p. 55-71. GODEAU, Florence, « Peindre l’éphémère : Marcel Proust, Virginia Woolf et l’impressionnisme », in Proust et les images : peinture, photographie, cinéma, vidéo, Jean Cléder et Jean-Pierre Montier dir., Rennes, Presses Universitaires de Rennes, , p. –. LEONARD, Diane, « Proust and Virginia Woolf, Ruskin and Roger Fry: Modernist Visual Dynamics », Contemporary Literature Studies 18 (1981): 333-43. MARES, C. J., « Reading Proust : Woolf and the Painter’s Perspective », Comparative Literature, no 41, 1989, p. 327-59. SHORE, Elizabeth M. « Virginia Woolf, Proust, and Orlando », Comparative Literature, no 3, 1979, p. 232-45. Communications (peut-être publiées depuis) : HERMETET, Anne-Rachel : « Mémoires du Guépard : Lampedusa, Proust, Woolf », Séminaire PROUST 2014-2015, « Fin d'un monde, fin d'une œuvre : Le Temps retrouvé », ENS. FLADENMULLER, Frédéric, 7 mars 2017, « L’écriture de la maladie : Virginia Woolf lectrice de Marcel Proust », Université Paris-Sorbonne.




PROGETTO TEMATICO PER QUADERNI PROUSTIANI 2019
Al Comitato scientifica dei "Quaderni proustiani", Au Comité scientifique des Quaderni proustiani, Al Comitato di redazione dei "Quaderni proustiani", Au Comité de rédaction des Quaderni proustiani, Comme vous le savez déjà, pour avoir contribué à la décision ou pour l'avoir généreusement accueillie, Quaderni proustiani sera installé, à partir du n° 2018, sur la plate-forme éditoriale de l'Université de Padoue, Padova University Press, comme revue en ligne, gratuite et sans inscription préalable. Ce transfert a été possible grâce à la généreuse donation de Gennaro Oliviero, du bien (la revue) et d'un fond (pour la maintenance). Cette solution présente plusieurs avantages de poids, cruciaux aujourd'hui: diminuer les coûts de production de la revue, en augmenter sensiblement la diffusion, la visibilité et l'accessibilité au niveau mondial, fournir les articles d'un code DOI, carte d'identité de l'article. Utilisant la langue de Proust, que vous goûtez et comprenez tous, j'ai le plaisir de vous soumettre une idée de thème pour le prochain numéro des "Quaderni Proustiani". Le texte en pièce jointe est une ébauche: suite à vos avis, il sera remanié et traduit en italien. Un thème qui, suite à une première enquête concernant le nom de Charlus sur la Toile, m'a semblé une terre vierge à découvrir et certainement riche en surprise, un horizon "populaire" propre à élargir notre regard sur la fortune de Proust aujourd'hui. Je vous serais reconnaissante de me dire ce que vous en pensez, et si vous voyez dans la bibliographie de support des lacunes impardonnables. Le site de la revue présentera, en lien avec la revue: - les deux appels à contribution en italien et en français - le modèle de fichier word pour faciliter la composition (en lingua franca) - les normes éditoriales en italien (pour la section italienne) et en français (pour la section française): nous avons fait tout le possible pour réduire les divergences et harmoniser l'ensemble, sans troubler les yeux des natifs de chaque langue.




ULTIMI ARRIVI
RAZZA E IMMAGINARIO BIOLOGICO IN PROUST <> e <>: le due parole che formano il titolo del libro evocano immediatamente una serie di tematiche fortemente impregnate di ideologia, a prima vista estranee all'opera proustiana. Scopo invece di questo libro è mostrare la pregnanza di queste tematiche - implicite, esplicite, descritte o riassunte - nella "RECHERCHE". E' noto che in seno alla società francese è presente, a partire dalla RIVOLUZIONE, una tensione fondamentale: quella dell'impossibile conciliazione tra <> e <>; la "Dichiarazione dei diritti dell'uomo e dei cittadini" ha tentato di cancellare queste distinzioni nell'ambito della nazione, dal punto di vista sociale o culturale. Che significa essere francesi? Alcuni sostengono che essere francesi significa appartenere alla <>; questa forma di appropriazione di valori, che pretende d'essere anche universale, non fornisce una risposta convincente. La tensione fondante tra particolare e universale attraversa tutta l'opera di Proust. Nella "RECHERCHE" viene sviluppata un'ipotesi che è sottostante alle tesi del libro di Pauline Moret-Jankus: Proust tenta di risolvere la frattura tra identità individuale, identità di gruppo e aspirazione all'universale ispirandosi all'immaginario biologico. Nella "RECHERCHE" vi è la rappresentazione di una società nella quale comunità differenti coesistono, coabitano, passano dall'una all'altra; nello stesso tempo però Proust pone come aspirazione ultima la ricerca di una verità universale per l'uomo, postulando che quando si arriva alle <> non esiste alcuna differenza tra gli uomini. Ci piace ricordare che Pauline Moret-Jankus collabora con la rivista QUADERNI PROUSTIANI: vedi l'articolo "De Proust à Pasolini: visuel et homosexualité" (QP n°9 - 2015, pp. 209-2016).




ULTIMI ARRIVI
LA POETICA ROMANZESCA DELLA MEMORIA PRIMA DI PROUST In psicologia, il concetto di <> è stato affermato per la prima volta da Théodule Ribot, nella sua opera consacrata alla <>, apparsa nel 1896; si trattava di attestare, attraverso fatti e sperimentazioni, l'esistenza di un'altra memoria distinta da quella "intellettuale" o razionale. Proust conosceva le tesi di Ribot; riferendosi alla ricezione del suo romanzo in corso di pubblicazione, allorché "Le Temps retrouvé" non era stato pubblicato (uscirà postumo nel 1927) e rimproverando ai suoi critici di non intravedere la sua composizione << a larga apertura di compasso>>, Proust sottolineava che al riguardo le scene di memoria affievolita hanno la funzione di assicurare, attraverso un processo di <>, il collegamento con eventi temporali cronologicamente lontani. Citava Nerval e Chateaubriand non a titolo di fonti, ma in quanto le loro opere attestano, prima della sua, un approccio al <> come procedimento della temporalità narrativa, come <> da intendere non come semplice illustrazione letteraria. Naturalmente la critica proustiana non ha ignorato questa testimonianza, ma nel quadro della problematica delle <>, essenzialmente ricercate nella letteratura francese del XIX° secolo. Il volume di cui all'immagine affronta la tematica in questione con riferimento al romanzo francese del XVII° - XVIII° secolo, con particolare attenzione ad autori quali Mme de Lafayette, Fénelon , Marivaux, Prévost, Rousseau, Mme de Staël.




ULTIMI ARRIVI
- Revue d'études proustiennes. ( 2018 - 1, n.7) - Jean - François Perrin, " Poétique romanesque de la mémoire avant Proust" (2017) - Pauline Moret-Jankus, "Race et imaginaire biologique chez Proust" (2016) - Philippe Blay, Jean-Christophe Branger et Luc Fraisse, " Marcel Proust et Reynaldo Hahn" (2018) - Jerôme Bastianelli," Dictionaire Proust - Ruskin" (2017) Tutti i suddetti volumi sono pubblicati da CLASSIQUES GARNIER Gli interessati possono farne richiesta telefonicamente ( 081 5499250 - 3386255810)




VENDITA ALL'ASTA ARREDI DEL RITZ HOTEL DI PARIGI
PROUSTIANI DI TUTTO IL MONDO, ACCORRETE! Dal 17 al 21 Aprile 2018, presso l'Hotel Marcel Dassault di Parigi, quartiere generale della casa d'aste Artcurial, saranno messi in vendita 3.500 lotti per circa 10 mila oggetti (tutti marchiati "Ritz Hotel"), provenienti dalla ristrutturazione del Ritz. Ci saranno "cimeli" proustiani da scoprire e acquistare....




LETTURE NELLA "SALA PROUST"
I SOGNI DI KAFKA (E IL SOGNO DEL BORDELLO) Kafka teneva in gran conto i suoi sogni, come testimonia il fatto che, nonostante le perdite e le distruzioni subite dalla sua opera, oggi disponiamo di oltre una sessantina di sogni descritti nei Diari e nelle Lettere fra il 1910 e il 1924, anno della sua morte. La loro trascrizione costituiva per lui molto più di un'importante fonte d'ispirazione: era uno strumento di scrittura, un metodo di elaborazione dei suoi oggetti letterari. A quell'epoca l'Interpretazione dei sogni di Freud cominciava ad ottenere fama mondiale. E' da pensare che Kafka conoscesse quest'opera ma sembra che fosse reticente rispetto alle interpretazioni psicoanalitiche. Tutto ciò che è psicoanalitico - scrive a Max Brod (in una lettera di metà novembre 1917) - "al primo momento sazia in modo stupefacente, ma subito dopo si ha di nuovo la stessa fame." Leggendo oggi alcuni recenti romanzi che occupano i primi posti nel mercato editoriale, raramente ci si imbatte in opere in cui la componente onirica emerge, nonostante la sua indiscussa fecondità dal punto di vista delle fonti d'ispirazione. Gli esempi potrebbero essere tanti; per "partito preso" mi limito a ricordare il monologo interiore che apre Dalla parte di Swann di Proust, la cui magistrale, struggente lettura, da parte dell'attore Sandro Lombardi a Palazzo Serra di Cassano la settimana scorsa, ha estasiato un pubblico foltissimo: qualcuno aveva le lacrime agli occhi per l'emozione. Mi chiedo allora perché tanta assenza di sogni nei romanzi recenti (mi riferisco - ovviamente - a quelli che ho io letto negli ultimi anni). Forse perché sognare stanca o può far soffrire? Kafka si lamentava della stanchezza che gli gli procuravano i sogni: "Verso le cinque, l'ultima traccia di sogno è consumata, io sogno soltanto e ciò è più faticoso della veglia." (Diario del 2 ottobre 1911). E ancora: " Desolato. Questo pomeriggio nel dormiveglia: infine il dolore dovrà pur farmi scoppiare la testa, precisamente alle tempie." (Diario del 15 ottobre 1913). Per le persone che "dormono-sognando" il sogno non significa soltanto il complesso di immagini che si impone loro quando la percezione del mondo esterno è disattivata e gli accadimenti diurni si legano in immagini non immediatamente comprensibili per chi le "vede". L'irruzione appena percepibile di quelle sequenze di immagini effimere ed estremamente fluide che ci sorprendono appena svegli - e che cerchiamo di captare, spesso anche nelle insonnie notturne dove i confini tra sonno e veglia sono difficili da determinare - è utilizzata da Kafka nella scrittura che poi travasa spesso nelle lettere alle donne che ama o ai suoi amici: "Quando mi sveglio, tutti i sogni sono raccolti intorno a me." (Diario del 2 ottobre 1911). E nelle sue opere letterarie? " Kafka farà proliferare e amplificare i sogni, generando altre formazioni immaginarie, altre idee, altri personaggi, altre coordinate mentali, senza nessuna ipercodificazione strutturale. S'instaura così un regno di processi creativi antagonista all'ordine stabilito dei significati. Processo di produzione di una soggettività mutante, portatrice di potenzialità suscettibili di infiniti arricchimenti." (Fèlix Guattari). I tratti di singolarità del sogno possono inserirsi nei romanzi e nei racconti nella misura in cui se ne dimentica la provenienza ed essi si presentano in tutta la loro innocenza, come l'unica cosa dell'esperienza che conti. Solo raramente Kafka ha indicato - come all'inizio della Metamorfosi - che quanto segue non è un sogno ("Una mattina, svegliandomi da sogni inquieti, Gregor Samsa si trovò nel suo letto trasformato in un insetto mostruoso.(...) Cosa mi è successo, pensò. Non era un sogno". Quando invece dice espressamente che si tratta di un sogno - come nello scritto omonimo incluso nella raccolta Un medico di campagna - il testo è già stato espunto da un altro manoscritto, quello del Processo, cui inizialmente apparteneva. L'analisi della trasposizione letteraria del'attività onirica di Kafka mette a fuoco quella che si potrebbe chiamare la condizione soggettiva (e personalissima) della sua scrittura. Kafka era ossessionato da quanto accadeva nei sogni, nei propri e in quelli degli amici. "Kafka non verrà, nulla al'infuori dei suoi sogni sembra interessarlo" annota Max Brod nel suo diario, nel maggio del 1911. Ma è anche vero che quest'interesse - e la stessa attività onirica - acquista una intensità particolare nel momento in cui fa la conoscenza di Felice e si lancia in un carteggio estenuante; attività onirica che raggiunge un nuovo acme quando ha inizio la corrispondenza con Milena, allorché l'intreccio tra vita e scrittura si dispiega anche nelle maglie del sentimento e dell'erotismo. Durante la fase della "follia epistolare" che ha segnato l'inizio del suo amore per Felice, Kafka fa un sogno nel quale riceve da lei un vero e proprio torrente di lettere: "Un portalettere mi recava due lettere raccomandate tue e me ne porgeva una per mano (...). Erano lettere magiche. Potevo estrarre quanti scritti volevo senza che le buste si vuotassero. Mi trovavo a metà di una scala ed ero costretto, non avertene a male, a gettare sui gradini i fogli già letti, se volevo togliere altri fogli dalle buste. Tutta la scala in su e in giù era coperta di fasci di fogli (...). (Lettera a Felice del 17 novembre 1912 ). Quando i suoi rapporti con Felice peggiorano, da una busta viene fuori un'enorme quantità di fogli sottili, scritti da una mano che in un primo tempo gli appare sconosciuta. "Penso che non può essere la lettera che aspetto : è una lettera molto sottile con una scritta incerta, fine ed estranea. Io però la apro e ne vedo uscire un gran numero di fogli leggeri coperti di scrittura fitta che è sempre la scrittura sconosciuta." (Diario del 24 novembre 1913 ). Sogni e realtà? L'inesauribile fantasia, notturna e onirica di Kafka non è un divertissement , un arbitrario gioco di situazioni e immagini, ma nasce probabilmente da un'esigenza di sopravvivenza psicologica, da un prorompente impulso di sentirsi psicologicamente attivo e vivo; vivo di una vita ben diversa da quella che il padre sognava per lui, fatta di commercio e di affari; era la necessaria, indispensabile via di uscita dagli incubi e dai conflitti che agitavano il suo animo. Amerika, La metamorfosi, Un medico di campagna, Il Processo, Il Castello costituiscono mondi narrativi tra loro diversissimi, quasi irreali tra loro, intrisi di echi onirici, se si prescinde dal sotterraneo filo psicologico che li salda nell'unica e dolente sinfonia della sofferenza interiore, dell'impotenza di fronte ad un potere tanto irrazionale quanto implacabile, punitivo, distruttivo, di fronte al quale l'individuo è destinato a soccombere. Nel gracile volto di ragazzo di questo scrittore privo di ambizioni, ignaro del successo che avrebbe avuto e a cui mai aspirò ("La mia vita consiste ed è consistita, in fondo, sempre, in tentativi di scrivere, per lo più mal riusciti") molti nostri contemporanei hanno creduto di ravvisare uno dei simboli più significativi del nostro tempo; un simbolo tanto sconvolgente e drammatico quanto profondamente affascinante. Da questo punto di vista Kafka può essere letto come il geniale anticipatore di un'epoca di crisi e di smarrimento, l'esploratore di meandri costantemente presenti nell'animo umano, l'estraneo spettatore di un mondo nemico e irrazionale che gli si contrappone continuamente, il descrittore dei propri stati d'animo tortuosi e indecifrabili, o l'isolato narratore di un proprio, peculiare mondo onirico? Probabilmente Kafka è stato tutto questo. "Nulla all'infuori dei suoi sogni sembra interessarlo" - ha scritto Max Brod come sopra riportato; è da pensare però che probabilmente i suoi sogni dovevano talvolta apparirgli come degli incubi da rimuovere, se riflettiamo su quanto scriveva agli inizi del 1904 a Oscar Pollak, amico del cuore degli anni giovanili: "Bisognerebbe leggere, credo, soltanto i libri che mordono e pungono. Se il libro che leggiamo non ci sveglia con un pugno sul cranio, a che serve leggere?". IL SOGNO DEL BORDELLO "Sogno di questa notte, che io al mattino non considerai bello (...). Passavo - non ricordo se Max fosse presente fin dal principio - per una lunga fila di case all'altezza tra il primo e il secondo piano, come nei treni si passa da una carrozza ad un'altra. (...) Era una grande fuga di stanze, eppure si notava la diversità non solo dei singoli appartamenti ma anche delle case stesse. (..) La serie degli appartamenti era più volte interrotta da bordelli attraverso i quali però, benché apparentemente io percorressi quella strada proprio per essi, passavo con particolare rapidità sicché non ne ricordo nulla tranne la loro esistenza. Senonché l'ultima camera di tutti gli appartamenti era a sua volta un bordello e là mi fermai. La parete di contro alla porta dalla quale ero entrato, dunque l'ultima parete della fila di case, era di vetro (....) sul margine del pavimento stavano coricate le prostitute. Chiaramente ne vedevo due per terra e una di loro aveva la testa sporgente oltre l'orlo e penzolante nell'aria libera. (...) Io mi occupavo principalmente di colei che teneva la testa penzoloni, Max di quella che giaceva alla sinistra di lei. Io le palpavo le gambe e indugiai a premerle regolarmente le cosce. Nel far ciò il mio piacere era tale che mi stupivo di non dover pagare per quel divertimento che era appunto il più bello. Ero convinto che io (e io solo) imbrogliavo il mondo. (...) Mi tirai indietro, tra un gruppo di uomini che pareva aspettassero presso la parete accanto all'imbocco della scala dove c'era un po' di movimento. Aspettavano come in campagna, la domenica mattina, gli uomini si raccolgono in piazza. Perciò era appunto domenica" (Diario del 9 ottobre 1911).




L'ALTA CULTURA NELLA SALA PROUST
VISITE AL COMPLESSO DI BABUK (GIARDINO, IPOGEO E "SALA BABUK") Nel corso di una recente visita, una gentile signora ha espresso qualche perplessità circa il trattamento "particolarmente amorevole" (e "gravido" di conseguenze) riservato dai soldati francesi di Championnet nel 1799 alla suorine ospitate nel Palazzo Caracciolo (Giardino di Babuk). La vicenda mi fu narrata dalla compianta Donna Costanza Caracciolo del Sole allorché presi possesso di detto Complesso (anno 2007). Tanto premesso, credo valga la pena sottolineare alcuni aspetti storici riguardanti i monasteri femminili di un tempo, illustrati nel volume di cui all'immagine. Significativa appare l'azione dell'arcivescovo di Napoli Ascanio Filomarino, che resse la diocesi napoletana dal 1642 al 1666 (data della sua morte). Per inciso, ricordo che il suo successore fu Il cardinale Innico Caracciolo d'Arienzo (quanti illustri Caracciolo!). Orbene, Ascanio Filomarino, nel corso dei 25 anni nei quali fu a capo della diocesi di Napoli, condusse una costante, ferma azione per la moralizzazione dei costumi monacali. Nel decreto vescovile del 4 maggio 1646 si legge quanto segue: <> (pp. 85-86). Ma <> (p. 86). Da ciò si può comprendere che anche col passar del tempo (e arriviamo alla rivoluzione napoletana del 1799) i costumi nei monasteri femminili potevano non essere irreprensibili... D'altra parte, le vicende della Monaca di Monza narrate da Manzoni, e quelle di Suor Scolastica (che riceveva il giovane amante Gennarino nel convento di San Potito di Napoli) narrate da Stendhal nelle "Cronache italiane", non devono farci stupire per quanto accaduto alla monache di... BABUK !




PROUST NELLA SALA BABUK
VISITA COMPLESSO DI BABUK (GIARDINO,IPOGEO,SALA BABUK) VIA GIUSEPPE PIAZZI,55 - NAPOLI (TRAVERSA DI FRONTE CASERMA GARIBALDI DI VIA FORIA). DOMENICA 11 FEBBRAIO 2018, ORE 10 (INFO: 081 5499250 - 3386255810)




indietro avanti


 
     


Associazione Amici di Marcel Proust
per contatti: proustswann@gmail.com - tel. +39 081.5499250
Prof. Gennaro Oliviero +39 338.6255810